Luglio 2015

Schema decreto mobilità provincie

Schema del Ministro della pubblica amministrazione decreto recante procedure e criteri di mobilità ex art. 1, comma 423, della legge n. 190 del 2014 – Le osservazioni del CSA.

Questa mattina la Funzione pubblica ha presentato lo schema del decreto recante le procedure ed i criteri di mobilità previsti dal comma 423 (art. 1) della legge n. 190 del 2014.

Questa O.S. ha presentato le proprie osservazioni al testo. ....
Preliminarmente, è stato lamentato il mancato rispetto delle “forme di partecipazione sindacale” previsto dal comma 422 dell’art. 1 della Legge di Stabilità 2015 (Legge n. 190/2014), atteso che è ormai usuale prassi del Governo presentare i testi normativi senza la preventiva, opportuna, consultazione con le OO.SS.

Leggi il comunicato ....

20 luglio Incontro fondo produttività 2015

Comune di Parma
Fondo produttività 2015 - Incontro del 13/07/2015 con Delegazione Trattante di Parte Pubblica.

Per la Delegazione Trattante di Parte Pubblica: Dr.ssa Asteria, Dr.ssa Signifredi, Dr. Noè, Dr.ssa Segalini, Dr. Barani.

Dr.ssa Segalini: il Comune di Parma vede minori trasferimenti statali sulla parte corrente per circa dieci milioni (- 9milioni e 700 mila Euro), che sono stati in parte coperti dagli oneri di urbanizzazione per circa 2 milioni di Euro (c'è la possibilità di utilizzare una percentuale degli oneri di urbanizzazione a sostegno della spesa corrente), arrivando così a circa 8 milioni di Euro di minori trasferimenti statali. 
 

Nota in merito a congedo parentale di cui al messaggio INPS n. 4576 del 6/07/2015

Con la presente Vi informiamo che l' INPS, conseguentemente all'emanazione del D.LGS. n. 80 del 15 giugno 2015, ha pubblicato il messaggio n. 4576 del 6/07/2015, con il quale vengono fornite modalità esplicative in merito a "fruibilità del congedo parentale da 8 a 12 anni ed elevazione dei limiti temporali di indennizzo da 3 a 6 anni".

Si rimanda, pertanto, alla nota originale (di cui al link qui sotto), al fine di consentire a coloro che ne hanno diritto di seguire la corretta procedura.

PERMESSI BREVI PER VISITE MEDICHE sono imputabili ad assenze per malattia

Vi informiamo che,

a seguito annullamento della circolare 2/2014 della Presidenza del Consiglio dei Ministri dovuto a sentenza n. 5714 del 17/04/2015 del TAR Lazio - che imponeva al dipendente, posto di fronte alla necessità di sottoporsi ad una visita o ad un controllo medico, di utilizzare i permessi per “documentati motivi personali secondo la disciplina dei CCNL o di istituti contrattuali similari o alternativi (come i permessi brevi o la banca delle ore)”,

il Ministero della Salute, con propria nota del 24/04/2015 precisa, al penultimo paragrafo, che “in attesa delle nuove norme contrattuali, ovvero delle ulteriori indicazioni che vorrà fornire il Dipartimento della funzione pubblica, le assenze dal servizio per visite, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici potranno essere imputate dai dipendenti a malattia secondo i criteri applicativi e le modalità definite dagli orientamenti giurisprudenziali consolidati e dall’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni precedentemente alla circolare annullata.”

Scarica il testo completo della circolare  del Ministero

Disclaimer - Avvertenze generali - Politica sulla privacy - Sospette violazioni di copyright

Il contenuto di questa pagina si applica ad ogni pagina presente nel sito del CSA RAL Parma
Le informazioni riportate sono fornite in maniera libera e gratuita;
 
Questa pagina raccoglie 
  • avvertenze generali di utilizzo del sito e sui suoi contenuti;
  • informazioni utili per segnalare contenuto (testo o immagini) che si sospetta violino il copyright;
  • informazioni utili per segnalare contenuto (testo o immagini) che si ritiene inappropriato o lesivo della sensibilità altrui;

Comunicato Stampa 8 luglio 2015

Dal comunicato del 8 luglio
"La Provincia di Parma, per come la conosciamo noi, dalla sua nascita ad oggi cesserà di esistere a fine anno. Sul tema della riorganizzazione, delle funzioni e soprattutto sul destino dei dipendenti è sceso un velo, nel disinteresse più totale della politica e non solo.
La normativa stabilisce che gli Enti di area vasta debbano adottare il “Piano di riassetto organizzativo, economico, finanziario” entro l’1/03/2015 ....."

scarica il testo completo del comunicato

Guarda il video su TV Parma "SECONDO IL CSA A RISCHIO IL FUTURO DI QUASI 200 DIPENDENTI DELLA PROVINCIA"
Guarda l'articolo su Repubblica Parma "Riorganizzazione Provincia: disinteresse della politica"
Guarda l'articolo della Gazzetta di Parma del 09 luglio 2015

Pagine