COMUNICATI - modifica dell’art. 26 e proposta art.87 c.3 DL 18/2020

COMUNICATO

Parte 1
art. 26 del DL 18/2020 (L. 27/2020)
Esprimiamo il nostro più vivo compiacimento per la modifica dell’art. 26 del DL 18/2020, apportata in sede di conversione in Legge 27 del 24/4/2020.
Sulla materia il CSA era intervenuto con l’allegata nota del 3/4/2020 denunciando i gravi disagi cui andavano incontro i dipendenti per il riconoscimento dei benefici previsti.
La norma approvata fa finalmente chiarezza sulle competenze e mette i dipendenti aventi diritto nelle condizioni di richiedere la certificazione direttamente al medico di base, esentando peraltro quest’ultimo da eventuali responsabilità derivanti da fatto illecito di terzi nel riconoscimento dello stato invalidante.

Parte 2
art. 87, comma 3 del DL 18/2020 (L. 27/2020)
La scrivente O.S. ritiene opportuno richiedere alle SS.LL. di valutare la necessità di uno specifico intervento normativo, all’interno dell’adottando “Decreto aprile”, per fornire un chiarimento risolutivo in merito all’impossibilità di ricorrere all’imposizione della fruizione delle ferie dell’anno in corso al personale dei settori pubblico e privato quale misura per la limitazione della presenza del personale negli uffici, nell’ambito delle complessive misure di contenimento del contagio da COVID 19.

per il quale si propone la seguente formulazione al comma 3 dell’articolo 87 del DL 18/2020, convertito nella L. 27/2020, il termine “pregresse” è sostituito dalle parole “relative agli anni 2019 e precedenti, e comunque nel rispetto della disciplina contrattuale vigente nel comparto di riferimento”.

CORONA VIRUS COPERTURA RETRIBUTIVA - CSA RAL e MINISTERO FUNZIONE PUBBLICA

Coronavirus COVID-19
Copertura retributiva e contributiva delle giornate di
lavoro del personale in servizio presso gli Enti Locali

Il caso della diffusione del Covid-19 o Coronavirus ha provocato, negli ambiti locali, una serie di provvedimenti di chiusura degli uffici pubblici e di sospensione dei servizi che, per quanto doverosi, pongono come problema collaterale, ma non certo trascurabile, quello del riconoscimento delle giornate di lavoro ai dipendenti che si sono dovuti astenere dal recarsi ai posti di lavoro.

La questione si pone, in primis, per gli insegnanti e gli educatori comunali, dipendenti dei Comuni e regolamentati dal Contratto delle Funzioni Locali, i lavoratori del settore Scuola, per i quali non scatta la tutela automatica in caso di sospensione del servizio come accade ai professori e al personale scolastico dipendente dal ministero.

Di conseguenza, come è già accaduto più volte in passato, i dipendenti sono costretti a utilizzare permessi retribuiti e ferie, sempre che non li abbiano già esauriti.

Pertanto, il CSA RAL ha avviato una interlocuzione con il Ministero della Funzione Pubblica per fare approvare un secondo decreto sul Coronavirus che, tra gli altri provvedimenti, riconosca integralmente le giornate di lavoro, sia sul piano retributivo che su quello contributivo, che sono saltate (e salteranno) per la sospensione dei servizi, senza costringere i dipendenti a rimetterei di tasca propria.

Da quanto reso noto in data odierna dagli organi di informazione, il Governo ha immediatamente recepito questa emergenza e a giorni si attende l'uscita di un decreto ad hoc, che dovrebbe risolvere in via definitiva la questione.

Segui la diretta facebook del Segretario Generale del CSA RAL di
LUNEDI 2 MARZO 2020 ORE 12.00

 

Progressioni Economiche Orizzontali ASP 2019

CSA RAL PARMA
LA NOSTRA PROPOSTA PER LE PROGRESSIONI
ECONOMICHE ORIZONTALI
2019
Ad Personam - ASP Parma

Assegnare ad ogni categoria giuridica, un tetto massimo economico determinato dalla percentuale di rappresentanza sul numero totale dei colleghi

SCARICA E LEGGI IL NOSTRO COMUNICATO

  • B1 ossia 89 dipendenti possono accedere al 65% del budget PEO = € 26.000
  • B3 ossia 24 dipendenti possono  accedere al 17% del budget PEO = €  6.800
  • C  ossia  5   dipendenti possono accedere al   4% del budget PEO = €   1.600
  • D  ossia 19 dipendenti possono accedere al 14% del budget PEO = €   5.600

Basta però analizzare la graduatoria PEO del 2018 per capire che la nostra proposta ha ottime ed incontrovertibili motivazioni, riequilibrando l’assegnazione percentuale delle risorse in ragione delle categorie che rappresentano tutti potenziali fruitori

Tags: 

Asp Parma - Firmato il contratto decentrato 2019-2021

CSA RAL PARMA
FIRMATO IL CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO
INTEGRATIVO 2019-2021
Ad Personam - ASP Parma

Venerdì 7 Dicembre 2018 si è concluso il percorso di definizione  del Contratto Integrativo, iniziato nel mese di Ottobre, con la sottoscrizione da parte di Cgil, Cisl e CSA nonché la maggioranza delle RSU

SCARICA E LEGGI IL NOSTRO COMUNICATO

 

Pagine